x

Comet 41S – La prova in mare

comet41
Last update of the post: 13 marzo 2019
Visits: 1.158

Il Comet 41S è stato disegnato dallo studio Vallicelli & C. ed è un cruiser-racer Comar che segue linee e concetti dei più grandi 45S e 51S, ma allo stesso tempo si impone come barca dai contenuti molto innovativi, soprattutto per quanto riguarda la costruzione. Lo scafo ha linee eleganti e veloci anche se non estremizzate per l’Ims, con sezioni centrali arrotondate e baglio massimo accentuato. La scelta di non fermarsi a 40 piedi ha permesso di risolvere bene il compromesso tra forme ed abitabilità, il Comet 41S non è solo una barca bella, ma anche una barca con una pozzetto molto grande, una cala vele importante e la possibilità di avere due bagni. Per il Comet 41S, lo Studio Vallicelli ha speso molte ore per vincere una sfida nient’affatto semplice:mantenere la family line nata su una barca di quindici metri,ovvero il Comet il 51, capostipite della famiglia Sport. Con il  suo scafo tirato e performante, la coperta vivibile e funzionale, gli interni razionali e ben equilibrati, anche (anzi soprattutto) nella versione a tre cabine e due bagni, nel Comet 41S tutto è stato bilanciato con cura per ottenere il meglio dalle singole parti senza scendere a compromessi. Un risultato notevole, specie se paragonato a diretti concorrenti di successo. Il design del ponte è pulito e elegante e moderno con quelle forme arrotondate. Stupisce il pozzetto aperto per le sue dimensioni: è lungo tre metri e offre tanto spazio a sedere (sei persone comode) e gavoni per stivare. La randa misura 54 mq e con altri 54 mq di genoa 135% la superficie velica arriva a 108 mq. Le sartie del Comet 41S sono in cavo spiroidale discontinuo, optional il tondino (nella barca in prova) o il Dyform, di serie ci sono vang rigido e tendipaterazzo meccanico. Il circuito della randa può essere alla tedesca, più agevole del classico paranco. La posizione del timoniere è comoda, a barca molto sbandata si riesce a puntare bene una gamba sulla colonnina. Internamente il design semplice e lineare viene realizzato con uso di ciliegio per i legni e acciaio lucido per le parti metalliche. Grande sforzo è stato messo per ottimizzare le finiture. Le disposizioni, come per tradizione Comar, sono offerte con diverse soluzioni. Si parte dalla versione base, due cabine e grande bagno singolo, per arrivare a quella a tre cabine e due bagni. A prua della paratia si sviluppa la zona dedicata all’armatore: la cabina,dotata di un buon calpestio (100 cm dalla porta al letto), data la posizione arretrata rispetto alla prua offre un letto comodo e largo anche ai piedi. Il bagno interno (opzionale) ruba spazio a un armadio ma risulta comodo e regolare, irrinunciabile se si va in crociera a bordo di un Comet 41S. Di buone dimensioni anche le cabine di poppa, con letti grandi di forma regolare, e il secondo bagno che, nella versione standard a due cabine,è dotato di ampio box doccia separato.

Scarica la prova in mare: CLICCA QUI

Condividi post su:

Tagged under: , ,
TOP