x

Oceanis 40 CC – La prova in mare

Oceanis 40 CC
Last update of the post: 1 luglio 2020
Visits: 383

Oceanis 40 CC – La prova

L’Oceanis 40 CC, varato nel 1994, completa una gamma che ha compreso altri due modelli, il 36 e il 42. La carena è firmata dal Gruppo Finot ed è un’evoluzione degli Oceanis 400 e 411. Il piano di coperta segue un layout convenzionale per questa tipologia di barche: tuga a scatola, pozzetto profondo ben riparato dai paraonde laterali, così come dal parabrezza e un’ampia zona sgombra a poppa con accesso allo specchio attrezzato. Due i winch laterali per le scotte del genoa, uno sulla tuga posteriore per la scotta randa e uno a sinistra della tuga. Si accede facilmente al quadrato con la dinette ovale subito a destra (leggermente sopraelevata per posizionare i serbatoi), carteggio a sinistra e un’immensa cucina che occupa tutto il corridoio di accesso alla cabina di poppa.

La suite armatoriale comprende un letto matrimoniale al centro, due poltrone sui lati e bagno privato. A prua, la cabina ospiti offre un letto doppio di discrete dimensioni e un secondo bagno a estrema prua. Rispetto agli Oceanis standard colpisce l’abbondanza di stivaggio in tutte le zone. Un altro punto positivo dell’Oceanis 40 CC è l’ottima ispezionabilità del motore, con una vera e propria sala macchine accessibile da tre lati (discesa, corridoio e cabina di poppa). Con la tuga a scatola e i passavanti larghi, la coperta è tipica dei cruiser a pozzetto centrale, inoltre è presente la trinchetta su avvolgitore, una soluzione molto apprezzata in crociera.

LEGGI LA PROVA IN MARE DI “FARE VELA”     CONSULTA SCHEDA

TOP