x
Home Barche a Motore Fly BAGLIETTO – BAGLIETTO 16,50
Documento non valido ai fini contrattuali. Informazioni come a noi fornite, corrette ma non garantite.

BAGLIETTO – BAGLIETTO 16,50

BAGLIETTO 16,50, 1969, COPERTA IN TEAK 2011, 2 x 350 HP DETROIT RIFATTI 1997, DIESEL, ELICA DI PRUA, ASSE, 3 CABINE, 3 BAGNI, CABINA MARINAIO, CUCINA SEPARATA, LAVATRICE, GENERATORE, CLIMATIZZATORE, PASSERELLA IDRAULICA, +39 06 65 22 258/9, +39 348 2337257 – www.mediaship.it – CODICE ANNUNCIO 2045/M

Cantiere BAGLIETTO

Pietro Baglietto fonda nel 1854 il “suo” cantiere e ben presto si orienta verso lo yachting iniziando a costruire imbarcazioni da diporto. Nel 1929 Vincenzo Vittorio Baglietto, laureatosi in ingegneria navale a Glasgow dopo la fine della Prima Guerra Mondiale, torna a casa e diventa il nuovo progettista del cantiere. Negli anni 60 l’avvento del compensato marino consentì di applicare nuove tecniche costruttive, tra cui la prefabbricazione degli interni. Le carene dell’ing. Pietro Baglietto consentivano prestazioni sempre più brillanti ma l’elemento dirompente fu la comparsa del FLYING BRIDGE, un intelligente sfruttamento del tetto della sovrastruttura.

 

Dal secondo dopoguerra

Nel secondo dopoguerra il marchio Baglietto riconverte in parte la sua produzione ritornando a piene vele alla costruzione di barche da regata e da diporto, alcune frutto della “trasformazione” di imbarcazioni militari. Meritano una menzione lo yacht con motore ausiliario Caroly di Riccardo Preve che nel 1948-1949 compie la regata Genova – Buenos Aires e gli yacht della prima classe RORC Miranda IV, Mait I, Ea (“Nastro Azzurro” del Mediterraneo nel 1953 e nel 1956) e Mait II, l’ultima barca a vela maggiore costruita da Baglietto (1956).

Le carene dell’ing. Pietro Baglietto consentivano prestazioni sempre più brillanti. La serie “M” composta da 5 modelli introdusse innovazioni di stili e di struttura che avrebbero modificato per sempre la forma del motor Yacht. Elemento dirompente fu la comparsa del FLYING BRIDGE, un intelligente sfruttamento del tetto della sovrastruttura. Complessivamente furono costruiti 196 scafi della serie “ M” con ben 72 esemplari del solo modello 20M

 

1974

Con gli anni settanta inizia l’era dell’alluminio che caratterizzerà da quel momento la produzione Baglietto per tutti gli anni a venire.

Insieme all’alluminio vengono applicate soluzioni tecnologiche d’avanguardia, volte ad ottenere prestazioni strabilianti, come la propulsione a idrogetto del Chato che consentiva a un motoryacht di 26 metri di raggiungere i 62.5 nodi.

 

1987

L’inizio degli Anni Ottanta rappresenta per Baglietto un altro traguardo grazie alla costruzione del primo megayacht moderno della storia.

Adler, stilizzato da Alberto Mercati fu infatti il primo megayacht nella concezione moderna, contemporanea del termine.

 

1991

Con Maffy Blue, varato nel 1991 e costruito interamente in alluminio, Aldo Cichero, che aveva lungamente lavorato in cantiere, introduce una svolta stilistica radicale nel linguaggio del megayacht planante. 33 metri di lunghezza fuori tutto, 30 nodi di velocità massima, Maffy Blue coniuga una linea che farà scuola con una lussuosità di interni che crea un nuovo standard nel segmento.

 

La storia più recente

Con l’acquisizione dell’ex Cantiere Ferrari di La Spezia, Cantieri Navali Baglietto entra in una nuova, dinamica fase, aumentando enormemente la propria capacità produttiva estendendola anche a serie di modelli dislocanti che sono già diventati un punto di riferimento nel settore, come i plananti lo sono da sempre.

Leggi altro...
Ultimo aggiornamento dell'annuncio: 8 ottobre 2021
Visite dal 09 Luglio 2018: 26
Richiedi informazioni
Ramona Mancini
Account Manager
M +39 348 2337259
T +39 06 65 22 258/9
E info@mediaship.it
FAI UNA RICHIESTA
Oppure Contattami tramite Whatsapp
Prenota qui la tua video visita
FAI UNA RICHIESTA
Oppure Contattami tramite Whatsapp
2045/M • 1969 • € 60.000,00
Preview
Codice2045/M
Anno1969
Prezzo60.000,00
CategoriaFly
CantiereBAGLIETTO
ModelloBAGLIETTO 16,50
ProgettistaBAGLIETTO
BandieraItaly
Motorizzazione2 x 350 DETROIT
Lunghezza17,31
Larghezza4,46
Immersione (mt)1,00
Dislocamento (kg)32.500
Colore ScafoBianco
Materiale ScafoFASCIAME
Coperta in Teak
Anno Rivestimento Teak2011
Interni
Nr Cabine3
Cabina armatorialePoppa
Nr cabine equipaggio1
Nr WC3
Wc equipaggio, numero1
WC elettrici
Nr Letti a castello2
Nr Letti separati in piano4
TappezzerieCotone
Accessori CucinaForno, Frigorifero, Piano cottura a gas, Lavatrice, Freezer, Cucina separata
IntrattenimentoTelevisore in salone, Impianto HI-FI
Motori
Numero Motore2
Marca MotoreDETROIT
Potenza Motore (CV)350
Alimentazionediesel
Serbatoio Combustibile (LT)3.750
Pulizia serbatoio/i combustibile - anno2.016
Ore di moto2.500
Anno motore1962
Anno manutenzione motore1997
Velocità Crociera (KN)13
Consumo Lt/h per Motore50
Velocità Massima (KN)15
Numero batterie7
Anno batterie2016
TrasmissioneAsse
Elica MotorePale fisse bronzo
Elica di PruaIntubata
Serbatoio Acqua (LT)900
Manette MotoreElettroniche
Seconda stazione manette
Impianti e Strumentazione
ImpiantiImpianto 12V, Impianto 220V, Boiler 220V, Ancora, Ancora di rispetto, Generatore, Impianto 24V, Pompa di sentina elettrica, Illuminazione pozzetto, Salpancore di prua, Caricabatterie, Inverter, Climatizzatore, Illuminazione interna a LED, 2° caricabatterie
StrumentazioneVHF, Ecoscandaglio, Log, Bussola
Generatore kw7
Numero GPS1
Tipo GPScon cartografia
Pollici GPS20
Posizione GPSinterno
Tipo Autopilotapresente
Coperta e Scafo
Coperta in Teak
Anno Rivestimento Teak2011
Antivegetativa - Anno2016
Materiale prese a mareBronzo
Anno Prese a Mare2017
CopertureTendalino parasole
AccessoriTavolo pozzetto fisso, Passerella idraulica, Passerella in acciaio e teak
Validità Rina09/01/2020
Validità zattera ( > 12mg )01/09/2015
Vele
Nr Alberi0
Anno dell'albero1967
Materiale dell'alberoNA
Rigging
Tipologia Randa0

Condividi barca su:

Torna alla pagina precedente
TOP